Effetti speciali

Insieme è possibile: il Consiglio comunale dei Ragazzi

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi è stato istituito a Brescia con deliberazione di Consiglio Comunale n.223 del 27 novembre 2009, coinvolgendo i ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado della città.
Gli obiettivi di tale Consiglio sono:
– Promuovere la cultura della partecipazione, della solidarietà, dell’inclusione e della legalità.

– Formare ai principi ed alle pratiche della democrazia rappresentativa e far vivere ai ragazzi esperienze di politica istituzionale.

– Formare alle regole del dibattito pubblico ed al rispetto delle differenze. Sostenere l’educazione alla cittadinanza e principi costituzionali nelle scuole e sviluppare percorsi volti all’acquisizione dei concetti di spazio pubblico, bene comune, patrimonio collettivo e spirito di servizio, nonché al valore della memoria.

– Creare relazioni di collaborazione e confronto fra i ragazzi e fra i ragazzi e gli adulti a partire dai problemi reali.

• Far vivere ai ragazzi una concreta esperienza educativa, cui possa far seguito una restituzione sociale della stessa e un coinvolgimento della comunità (scolastica e locale nel suo complesso) rispetto ai percorsi ed alle competenze acquisite.

– Far vivere ai ragazzi una concreta esperienza educativa, cui possa far seguito una restituzione sociale della stessa e un coinvolgimento della comunità (scolastica e locale nel suo complesso) rispetto ai percorsi ed alle competenze acquisite.

I ragazzi del CCR propongono la realizzazione di progetti che richiedono l’intervento degli alunni delle diverse scuole che vi hanno aderito e sono presenti sul territorio. (https://brescia.istruzionelombardia.gov.it/consiglio-comunale-dei-ragazzi/?aid=60832&sa=0)
Gli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado plesso Virgilio e la loro docente Cirotti di IRC, hanno accolto con gioia ed entusiasmo la sfida vedendo una opportunità per esprimere opinioni, idee, e discutere liberamente nel rispetto delle regole. I progetti ai quali hanno aderito sono: Piccola città, Manifesto non ostile principio n. 2: “Si è ciò che si comunica” e Boschetto per i nuovi nati/nate 2022-2024
Piccola città ha richiesto un dibattito ed un confronto dal quale sono emerse molti luoghi nella zona nord di Brescia che sarebbe interessante conoscere.
Gli alunni per il progetto Boschetto per i nuovi nati/nate 2022-2024 hanno elaborato, attraverso scelte condivise, una proposta ed hanno discusso di temi importanti che riguardano il territorio. Invece per realizzare elaborati riguardanti il principio n. 2 del Manifesto non ostile, dopo aver riflettuto sull’importanza di una comunicazione efficace hanno prodotto o singolarmente o in gruppo elaborati che di seguito potrete vedere.
Hanno portato il loro contributo ed hanno sviluppato competenze riguardanti: Ambiente, ecologia, verde pubblico, legalità, responsabilità e sicurezza. Il principio n. 2 del Manifesto non ostile: “Si è ciò che si comunica” tutti i ragazzi delle diverse classi si sono attivati riflettendo confrontandosi e poi alcuni singolarmente altri in gruppo hanno creato degli elaborati. Il primo elaborato è completo di musica eseguita dall’alunna Arianna Turra della classe 1E accompagnata dalla sua insegnante di strumento Piera Dadomo della Scuola Secondaria di Primo Grado Virgilio di Brescia. Il secondo elaborato è stato creato con la partecipazione degli alunni della classe 3H e le docenti Elisabetta Cirotti, Alessandra Brodini e Luisa Piva. Inoltre, i ragazzi delle diverse classi hanno accolto l’invito a formulare una proposta per un “Boschetto per i nuovi nati” 2022/2024. Gli alunni delle diverse classi hanno lavorato con impegno ed hanno proposto molteplici idee. Le proposte dei ragazzi sono state poi convogliate in una presentazione creata con la piattaforma Prezi. Di seguito si possono vedere le slides estratte dall’elaborato.

Principio: 2 Si è ciò che si comunica