AttualitàScienza

Una macchina complicata

Il cervello umano

A seguito dell’incontro con il dott. Alessandro Fiorindi degli Spedali Civili di Brescia

E’ la macchina più intelligente che ci sia. Esiste da più di 200.000 anni. Stiamo parlando del…NOSTRO CERVELLO!
Il cervello umano è un organo affascinante e complesso, pieno di misteri e curiosità.

Sezioni di cervello

Cos’è il cervello? È il centro di comando del nostro corpo, controlla i pensieri, la memoria, il linguaggio e i movimenti. È diviso in due emisferi cerebrali e in diverse parti come la corteccia cerebrale, l’ippocampo e l’amigdala. Ogni parte ha un compito specifico, come controllare le emozioni e i sentimenti. Il cervello costituisce, insieme al cervelletto e al midollo allungato, l’encefalo. Fa parte di un enorme e complessissimo funzionamento: IL SISTEMA NERVOSO.

Fotografie tratte da interventi di Neurochirurgia

Ma, esattamente, qual è il lavoro di un neurochirurgo?
Potremmo rispondere usando le definizioni di uno dei più grandi studiosi di anatomia e chirurgia del secolo scorso, Giuseppe D’Ayala Valva (che collaborò anche alla scrittura del Dizionario della Lingua Italiana di G.Devoto e G.C.Oli):
Definizione di “Neurochirurgo”: Chirurgo specializzato nel trattamento operatorio delle affermazioni e patologie del sistema nervoso.

Tipi di emorragie, evidenziate in diversi interventi.

Definizione di “Neurochirurgia”: Ramo della chirurgia che ha per oggetto il sistema nervoso e, particolarmente, gli organi contenuti nella teca (scatola) cranica o nello speco (canale) vertebrale.

Innanzitutto, dovremmo parlare delle malattie che possono colpire l’encefalo…
Abbiamo diversi tipi di “patologie”: Ematomi, gravi e meno gravi, emorragie,rottura degli anopismi (quest’ultima può anche portare al decesso).

E il mal di testa?
Quello no, non c’entra con l’encefalo! Il mal di testa è una leggera infiammazione alle meningi, ovvero lo strato di tessuto connettivo formato da pia madre, aracnoide e dura madre, che protegge e “nutre” l’encefalo.

Che effetto hanno le droghe sul sistema nervoso?
Innanzitutto sarebbe meglio dire sostanze “psicoattive” o “stupefacenti”, detto così capiamo meglio con cosa abbiamo a che fare. Infatti ci sono tre tipi principali di queste sostanze… Le sostanze ad azione sedativa addormentano il sistema nervoso, quelle ad azione eccitante ne cambiano la percezione, quelle ad azione sostitutiva lo sostituiscono!Le sostanze psicoattive vanno a modificare il sistema nervoso distruggendolo, un po’ come l’alcol, insomma (infatti quando si beve alcolici o si fa uso di sostanze dei neuroni si distruggono sempre).

Sappiamo che il lavoro del neurochirurgo è quello di “operare l’encefalo e altre parti del sistema nervoso”. Ma come fa a raggiungerle?
Per prima cosa, ovviamente sotto anestesia, si deve tagliare la pelle e trapanare, con speciali utensili, l’osso della scatola cranica. Infine si raggiunge l’encefalo! A questo punto dipende: se è da operare la corteccia cerebrale, si può “cominciare così”, se si deve operare la materia bianca si deve solo “aprire” le scissure tra i lobi cerebrali e la si raggiunge.

Ma quando si viene operati al cervello, si prova dolore?
Assolutamente no! Il cervello è parte dell’encefalo nonché l’unica parte del corpo che non reagisce a questo stimolo, ovvero non presenta nocicettori.

Come fanno pratica gli studenti di Neurochirurgia?
Un tempo si faceva pratica, e in molti casi anche studio, sui cadaveri, naturalmente con il permesso dei parenti del defunto. Oggi, invece, si fa pratica più che altro con simulazioni virtuali che reagiscono in modo confrontabile con quello di un corpo umano.

Un ultimo consiglio: Se si prende il cervello come una “macchina”, non bisogna certo lasciarlo arrugginire! Leggere, fare sport, mantenere alti la creatività e il ragionamento aiutano il suo sviluppo!

Autori dell’articolo: Testi di Giorgio, Daniele, Simone, (classe 3^H)


Fonte principale: Incontro con il dott.Alessandro Fiorindi degli Spedali Civili di Brescia

Altre fonti:
Wikipedia in data 17/10/2023
A.Pietra, E.Bottinelli, P.Davit, M.L.Bozzi- La magia della Scienza, vol C, Lattes
G.Devoto, G.C.Oli- Dizionario della Lingua Italiana, Diciottesima ristampa (ottobre 1985), Felice le Monnier-Firenze